DAL NAZIONALE

DAL REGIONALE

Sull’Italia mediana Rifondazione Comunista aveva ragione di Stefano Vinti

3 ottobre 2010
PRC-Bevagna In primo piano

         Sull’Italia mediana Rif. Comunista aveva ragione 

di Stefano Vinti

Rifondazione Comunista esprime soddisfazione per la nascita del coordinamento del Centro Italia. Sono questi i primi vagiti di un progetto che abbiamo sostenuto con forza nei mesi scorsi e l’avvio di un coordinamento permanente tra le regioni dell’Italia mediana testimonia la validità della nostra proposta politica. Le motivazioni addotte trovano la nostra più ampia condivisione. Abbiamo avuto già occasione di ribadire che le regioni dell’Italia mediana rischiano di rimanere schiacciate tra il modello federalista selvaggio del nord ed le questioni di un ammodernamento del sud che ancora tarda a venire. 

Ci sono specificità che vanno oltre il tratto comune del tessuto di piccole e medie imprese dinamiche e competitive: un modello sociale regionale efficiente, orientato alla coesione sociale, al superamento delle disuguaglianze e al raggiungimento di un alto livello nelle condizioni di vita dei cittadini; una certa omogeneità culturale e modelli e forme di convivenza orientati alla solidarietà; una sensibilità democratica fortemente sviluppata.
Una politica comune dell’Italia mediana è quindi necessaria per fare massa critica e resistere alla destrutturazione del modello sociale che vuole imporci il federalismo fiscale, ma anche per migliorare l’offerta dei servizi sociali, per definire un livello ottimale del sistema delle infrastrutture in grado di essere un valore aggiunto per il sistema produttivo. Le Regioni del Centro devono allora abituarsi all’idea di definire politiche comuni e sforzarsi di sviluppare una programmazione economica e sociale che vada oltre i propri ambiti territoriali per abbracciare l’intera porzione dell’Italia mediana.
Siamo fermamente convinti che l’Italia mediana è una straordinaria opportunità per garantire lo sviluppo e la tenuta sociale dell’Umbria, dei nostri territori e delle nostre città. Per questo plaudiamo alla costituzione del coordinamento dell’Italia centrale e ne sosterremo convintamente le ragioni anche nel programma delle imminenti elezioni regionali.

Stefano Vinti

 
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy